Un gioco dimmerda

Due pensieri su due passaggi di questo articolo (Il riduzionismo psichiatrico e la variabile umana) che mi hanno colpito…

 

«[la psichiatria] Ignorando la componente socio-economica nell’origine dei problemi del singolo […] mira a stornare l’attenzione critica dai problemi socio-politici, concorrendo al mantenimento dello status quo per nulla vantaggioso per la maggior parte dei cittadini» (p. 84).

 

Sono d’accordo.

 

Inoltre tende a decolpevolizzare i singoli «individuando l’origine dei loro problemi non in scelte e comportamenti sbagliati, bensì in un loro presunto malfunzionamento neuronale, in qualche scompenso chimico. La decolpevolizzazione va di pari passo con l’irresponsabilizzazione, attuata attraverso il conferimento di una diagnosi. Infatti una diagnosi è sempre, in prima battuta, l’istituzionalizzazione di un deficit» (p. 85).

 

Invece qui non capisco e mi sembra contraddittorio: perché dovrebbe essere colpevolizzato (di scelte e comportamenti “sbagliati”) il singolo, se il problema è socio-politico? Il singolo depresso, tipicamente, già si colpevolizza moltissimo: “sono un perdente, incapace”, ecc.

Io la vedo così: la società è sempre più competitiva e sempre più carente di meccanismi redistributivi e soprattutto di una base di diritti garantiti. Così, sempre più persone arrivano a non farcela più, cascano fuori dal “gioco”. Perché? Perché sotto la facciata “civile” il gioco è crudele e viziato. Ammettiamo che l’uomo sia un essere competitivo e che non possa fare a meno, almeno in qualche misura, di esserlo; ammettiamo che non possa, non riesca a essere solo collaborativo; ma anche in questo caso, comunque, che razza di gioco è quello in cui le carte non vengono mai redistribuite ai giocatori, ma si accumulano in mano ai vincenti? In cui – a parte casi sempre più rari e improbabili – non possono vincere se non i già vincenti? E in cui chi perde si ritrova senza nessuna carta in mano? E in cui i più nascono con zero carte in mano? Un gioco dimmerda.